Speciale Sardegna.COM

Carattere

Gonnosfanadiga

Gonnosfanadiga è un paese della provincia del Medio Campidano, situato nella zona sud-occidentale della Sardegna. Confina con i territori di Guspini, Arbus, Fluminimaggiore, Domusnovas, Villacidro, San Gavino Monreale e Pabillonis. Situato ai piedi del Monte Linas, possiede oltre ad un interessante zona montuosa ricca di boschi di leccio, querce, tassi e della tipica macchia mediterranea, un fertile e ricco territorio in cui abbonda gli oliveti, gli orti e i frutteti. Gonnosfanadiga è conosciuto per la sua eccellente produzione di olio d’oliva.

Come arrivare a Gonnosfanadiga:

In auto:
- da Cagliari si percorre la SS 131 in direzione Oristano fino allo svincolo per la SP 56 direzione Arborea, quindi si prosegue per la SP 49 passando per Terralba fino ad arrivare a Gonnosfanadiga.
- da Sassari si percorre la SS 131 fino a giungere ad Oristano, poi si prende la SP 56 passando per Arborea, Terralba e San Nicolò d’Arcidano, fino ad arrivare a Gonnosfanadiga.
- da Oristano si percorre la SP 56 e la SP 49 passando per Arborea, Terralba e San Nicolò d’Arcidano, fino ad arrivare a Gonnosfanadiga.
- da Nuoro si percorre la SS 131 in direzione Oristano, continuando lungo la SP 56 e la SP 49 passando per Arborea, Terralba e San Nicolò d’Arcidano, fino ad arrivare a Gonnosfanadiga.

La Storia:

Gonnosfanadiga, che forse in passato era formato da due distinti villaggi, Gonnos e Fanadiga, si formò probabilmente in epoca romana. Durante il Medioevo faceva parte della curatoria di Bonorzuli, nel regno giudicale di Arborea. Nel 1410 divenne un paese del Regno catalano-aragonese di Sardegna, mentre nel 1421 passò sotto il potere di Raimondo Guglielmo di Moncada e nel 1454 venne acquisito da Simone Royg. Nel 1454 ne entrò in possesso Pietro Besalù che però nel 1477 dovette cederlo a Dalmazzo Carros, che fece diventare Gonnosfanadiga un feudo della contea di Quirra. Nel 1511 il paese venne ereditato dai Centelles e in seguito ceduto prima ai Català e poi agli Osorio della Cueva, ai quali rimase fino al riscatto del 1838. Gonnosfanadiga appartiene alla Diocesi di Ales.

 

Multimedia

Vedi la Galleria Fotografica

 
 
 
 

Nota Bene: Le notizie presenti nel sito hanno carattere e finalità puramente informative. La Sardiniaportal Srl, o chi per lei, non fornisce alcuna garanzia o assicurazione in merito e non è pertanto da considerarsi responsabile per situazioni particolari legate ai prodotti, alle indicazioni progettuali e alle offerte proposte dalle attività promotrici.