Speciale Sardegna.COM

Carattere

Bauladu

Bauladu è un paese della Provincia di Oristano,compreso nella regione del Campidano di Oristano, nella parte occidentale della Sardegna. Confina con i territori di Paulilatino, Banarcado, Milis, Tramtza e Solarussa.
Bauladu é situato in una zona pianeggiante alle pendici del Montiferru, ricca di coltivazioni e aree adibite a pascolo.

Come arrivare a Bauladu:

In auto:
- da Cagliari si percorre la SS 131 in direzione Oristano, proseguendo poi fino ad arrivare a Bauladu.
- da Sassari si percorre la SS 131 in direzione Macomer, proseguendo poi per Ghilarza e Paulilatino fino ad arrivare a Bauladu.
- da Oristano si percorre la SS 131 fino ad arrivare a Bauladu.
- da Nuoro si percorre la SS 131 in direzione Ottana, proseguendo poi per Sedilo, Ghilarza e Paulilatino fino ad arrivare a Bauladu.

La Storia:

Durante il Medioevo Bauladu apparteneva alla curatoria di Campidano di Milis, nel regno giudicale di Arborea. Nel 1410 Bauladu diventò un paese del Regno catalano-aragonese di Sardegna, e fu incluso nel marchesato di Oristano curatoria concesso a Leonardo Cubello.
All´estinzione dei Cubello, Bauladu fu acquistato da Salvatore de Alagon a cui fu poi in seguito conquistato per ribellione nei confronti del vicerè. Dopo la battaglia di Macomer Salvatore de Alagon si diede alla fuga, ma venne poi imprigionato a Jativa fino alla sua morte. Nel 1479 il paese diventò un feudo del Patrimonio Reale, mentre in seguito entrò a far parte del marchesato d´Arcais, sotto il potere del feudatario Nurra. Alla sua morte il feudo venne ereditato dal nipote Francesco Flores che lo mantenne fino al riscatto del 1838.
Nel 1868 con regio decreto Bauladu fu aggregato al comune di Milis riacquistando la sua autonomia nel 1946. Bauladu appartiene alla Diocesi di Oristano.

 

Multimedia

Vedi la Galleria Fotografica

 
 
 
 

Nota Bene: Le notizie presenti nel sito hanno carattere e finalità puramente informative. La Sardiniaportal Srl, o chi per lei, non fornisce alcuna garanzia o assicurazione in merito e non è pertanto da considerarsi responsabile per situazioni particolari legate ai prodotti, alle indicazioni progettuali e alle offerte proposte dalle attività promotrici.