Speciale Sardegna.COM

Carattere

Arzachena

Arzachena è una cittadina della provincia di Olbia-Tempio, nella zona nord orientale della Sardegna, nella storica regione della Gallura. Confina con i territori di Palau, Tempio Pausania, Luogosanto, Luras, Sant'Antonio di Gallura e Olbia. Posta su una splendida zona collinare, possiede un territorio variegato in cui oltre all'entroterra ricco di vegetazione e impreziosito da suggestive rocce granitiche, si può ammirare una immensa e incantevole zona costiera fatta di lunghe spiagge di sabbia bianca e finissima, mare cristallino dalle incredibili sfumature di colore, piccole insenaure e isolotti incontaminati. Arzachena, cittadina dinamica e moderna a vocazione turistica, è compresa nella splendida Costa Smeralda, creata e resa celebre negli anni Sessanta da un gruppo di finanziari e dal principe Aga Khan IV. Appartengono al comune di Arzachena numerose frazioni e borghi marini tra cui spiccano Porto Cervo,vera e propria capitale della Costa Smeralda, Cannigione, nota località turistica, Liscia di Vacca e Baja Sardinia.

Come arrivare a Arzachena:

In auto:
- da Cagliari si percorre la SS 131 in direzione Oristano fino a Macomer, si prosegue poi per Bonorva, Florinas,Chiaramonti e Perfugas, si continua poi per Tempio Pausania, Calangianus e Sant'Antonio di Gallura fino ad arrivare ad Arzachena.
- da Sassari si percorre la SS 672 passando per Ploaghe, Chiaramonti e Perfugas, si continua poi per Tempio Pausania, Calangianus e Sant'Antonio di Gallura fino ad arrivare ad Arzachena.
- da Oristano si percorre la SS 131 in direzione Macomer, si prosegue poi per Bonorva, Florinas,Chiaramonti e Perfugas, si continua poi per Tempio Pausania, Calangianus e Sant'Antonio di Gallura fino ad arrivare ad Arzachena.
- da Nuoro si percorre la SS 131 passando per Siniscola, Posada, Budoni e Olbia fino ad arrivare ad Arzachena.

La Storia:

Arzachena, chiamato in passato anche Arseguen, durante il periodo medievale apparteneva alla curatoria di Unali nel regno giudicale di Gallura. Nel 1288, terminato questo Stato, diventò un possedimento oltremarino della Repubblica di Pisa. Nel 1324 diventò un paese del Regno di Sardegna e nel 1330 venne conquistato definitivamente dal governatore generale del Regno di Sardegna Raimondo de Cardona. Poi fino al 1346 venne poi concesso in feudo a Francesco Daurats. Nel 1365 a causa della guerra fra il Regno d'Arborea e il Regno di Sardegna il paese subì tremende incursioni, e nel 1347 venne concesso a Giovanni d'Arborea, fratello di Mariano IV d'Arborea, che lo unì al feudo di Fundimonte. In seguito Arzachena, messo sotto attacco, subì altre devastazioni, ma nel 1354, passò nuovamente sotto ilpotere di Giovanni d'Arborea. Quendo questo venne imprigionato dal fratello, il feudo passò alla moglie Sibilla di Montcada. Arzachena fra il XIV e il XV secolo venne abbandonata ed è stata poi ripopolata a cavallo fra il XVIII e il XIX da famiglie di pastori provenienti dalle zone circostanti. Arzachena, dopo essere stato frazionedi Tempio Pausania, con regio decreto del 1920 è diventato comune autonomo. Arzachena appartiene alla Diocesi di Tempio.

 

Multimedia

Vedi la Galleria Fotografica

 
 
 
 

Nota Bene: Le notizie presenti nel sito hanno carattere e finalità puramente informative. La Sardiniaportal Srl, o chi per lei, non fornisce alcuna garanzia o assicurazione in merito e non è pertanto da considerarsi responsabile per situazioni particolari legate ai prodotti, alle indicazioni progettuali e alle offerte proposte dalle attività promotrici.